9° Censimento dell'industria e dei serviziSito Istat

Il Censimento: informazioni generali

COS’È E A COSA SERVE IL CENSIMENTO

Il Censimento generale dell’industria e dei servizi 2011 ha l’obiettivo di rappresentare in maniera puntuale e dinamica il mondo delle imprese, del non profit e delle istituzioni pubbliche, offrendo un contributo fondamentale alle decisioni di politica economica e alla governance di tre importanti settori della vita del Paese. (Qui i dati)

Rispetto ai passati censimenti economici presenta forti novità:

  • si articola in tre diverse rilevazioni che coinvolgono un campione di 260mila imprese (sia grandi gruppi industriali sia piccole e medie realtà), oltre 470mila istituzioni non profit e 13mila istituzioni pubbliche;
  • prevede una restituzione multicanale del questionario compilato;
  • rileva nuove tematiche per ciascuno dei tre campi d’indagine.

LE PRINCIPALI TAPPE

Le operazioni di rilevazione sulle imprese e di rilevazione censuaria sulle istituzioni non profit sono iniziate il 10 settembre 2012 e la restituzione spontanea del questionari da parte delle unità è avvenuta fino al 20 dicembre 2012.

Le attività di raccolta dei questionari da parte degli Uffici Provinciali di Censimento si sono concluse il 28 febbraio 2013. Le istituzioni non profit che hanno scelto la compilazione on line sono state il 58,9% del totale, mentre ha utilizzato il web il 78,8% delle imprese rispondenti che, se di medie o grandi dimensioni, avevano il canale on line come unico previsto.

Procedendo all’elaborazione e all’analisi dei dati forniti dalle unità censite, i primi dati strutturali sui settori economici di riferimento del Censimento sono attesi per luglio 2013.

Istat ha fissato le tappe per la diffusione dei risultati del 9° Censimento generale dell’industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit.

Le risposte ai questionari fotografano la situazione al 31 dicembre 2011.

LE INFORMAZIONI RILEVATE

Il Censimento si può definire nuovo prima di tutto per il contenuto innovativo dei questionari.

La rilevazione sulle imprese  approfondisce tematiche inedite come governance, gestione delle risorse umane, relazioni tra imprese, capacità innovativa, competitività, internazionalizzazione, nuove strategie finanziarie, futuri programmi di sviluppo e di posizionamento sul mercato.

Anche il questionario del non profit,  coglie le peculiarità del settore rispetto a  struttura organizzativa,  attività svolte e servizi resi, reti di relazioni instaurate, risorse umane ed economiche impiegate,  tipologia di utenza, strumenti di comunicazione, modalità di raccolta fondi.

La rilevazione sulle istituzioni pubbliche, infine, fornisce un quadro preciso delle caratteristiche strutturali e organizzative del settore pubblico, focalizzando l’attenzione sull’attività delle sedi territoriali e sui processi di modernizzazione della pubblica amministrazione.

La compilazione e l’invio del questionario tramite web è una delle principali innovazione dei censimenti economici.

Altra novità è rappresentata dal Sistema di Gestione della Rilevazione (SGR) che ha permesso un monitoraggio continuo del mancato recapito e delle operazioni di restituzione dei questionari attraverso un sistema telematico.

IN BREVE…I PROTAGONISTI DELLE TRE RILEVAZIONI

  • La rilevazione sulle imprese

A differenza dei censimenti svolti fino ad oggi, la rilevazione non coinvolge direttamente tutte le realtà imprenditoriali – circa 4,5 milioni – ma un campione pari a circa 260mila unità di cui fanno parte tutti i grandi gruppi industriali, le imprese di grandi dimensioni, e circa 190mila piccole e medie imprese. La restituzione dei dati ottenuti sarà tuttavia di tipo censuario: le informazioni strutturali delle imprese saranno tratte dai registri statistici e dalle fonti amministrative, mentre la rilevazione dei dati tramite il questionario offrirà approfondimenti inediti sulla competitività e la capacità innovativa delle imprese.
Per approfondire

  • La rilevazione sulle istituzioni non profit

L’Italia è tra i pochi Paesi in Europa a censire periodicamente il variegato mondo del non profit. Il Censimento appena avviato vede coinvolte 474.765 istituzioni che sono state individuate conformandosi alla definizione internazionale del System of National Accounts (SNA) che considera principalmente il criterio del “divieto di distribuzione di profitti o altri guadagni diversi dalla remunerazione del lavoro prestato ai soggetti che l’hanno istituita o ai soci”.
Per approfondire

  • La rilevazione sulle istituzioni pubbliche

Sono circa 13mila le istituzioni coinvolte nella rilevazione. Si tratta di tutti gli organi costituzionali e di rilievo costituzionale, gli enti locali, le autorità amministrative, le agenzie fiscali e di altre tipologie istituzionali, quali le Camere di Commercio, i collegi e gli ordini professionali.
Per approfondire

L’INDAGINE NELLE ZONE COLPITE DAL SISMA

Il Censimento è stato effettuato anche nelle zone colpite dal sisma, pur tenendo conto delle particolari condizioni delle imprese e delle istituzioni non profit che operano su questi territori. Nella fase di selezione del campione soggetto ad indagine, sono state escluse le piccole e medie imprese attive nei comuni colpiti dal sisma e, in loro sostituzione, ne sono state incluse altre operanti nelle stesse province ma ubicate in comuni non toccati dal sisma, salvaguardando le caratteristiche della struttura imprenditoriale censita. Alle imprese di maggiori dimensioni e alle istituzioni non profit è riservata un’attenzione speciale, ed è assicurata tutta l’assistenza necessaria per facilitare la compilazione e la restituzione dei questionari.

  • NEWS
  • INFOGRAFICHE

fatura öde - kredi kartı borç sorgulama - fatura ödeme - kredi kartı borcu sorgulama - akbank borcu sorgulama - kredi kartı limit sorgula - finansbank borcu sorgulama - yapıkredi borcu sorgulama -alkadays - meme büyütme - liposuction
9° Censimento generale dell’industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit 2011