9° Censimento dell'industria e dei serviziSito Istat

La rilevazione sulle istituzioni non profit

Tutte le informazioni utili per le istituzioni non profit coinvolte nel Censimento dell’industria e dei servizi 2011


Bookmark and Share


CHE COS’È

La rilevazione sulle istituzioni non profit fa parte del 9° Censimento generale dell’industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit 2011 effettuato dall’Istat. La raccolta dei dati si è conclusa il 20 dicembre 2012. I dati saranno diffusi nel corso del 2013.

Obiettivi

La rilevazione è una lente di ingrandimento sul mondo del non profit, settore cruciale per la tenuta della società e delle economie occidentali. Avere una rappresentazione statistica ufficiale aggiornata sul non profit in Italia, con un elevato livello di dettaglio territoriale non solo risponde alle esigenze informative di policy maker, studiosi e operatori del settore, ma costituisce anche un passo necessario per adempiere alle richieste delle organizzazioni internazionali (ONU e ILO) sul posizionamento del settore non profit nel quadro delle politiche sociali in Italia e sulla misurazione economica del lavoro volontario.

Il questionario: contenuti e struttura

I contenuti del questionario sono stati individuati in collaborazione con esperti del settore, stakeholder e referenti istituzionali coinvolti nel Comitato consultivo istituito dall’Istat per l’impostazione dei censimenti sulle istituzioni non profit.

Rispetto alle due precedenti rilevazioni censuarie che si sono svolte nel 1999 e nel 2001, sono stati introdotti nuovi temi di indagine per osservare a 360 gradi il variegato universo del non profit in Italia: dalle dimensioni economiche e sociali alle caratteristiche organizzative, dalle reti di relazioni alle risorse umane, dagli strumenti di comunicazione alle modalità di raccolta fondi adottate.

Il questionario è articolato in 7 sezioni:

  1. Dati anagrafici e stato di attività, si chiede di verificare la correttezza dei dati riportati sul questionario (denominazione, indirizzo e codice fiscale) e di indicare lo stato di attività dell’istituzione non profit in tre momenti distinti: al momento della compilazione, nel corso del 2011 e al 31 dicembre 2011.
  2. Struttura organizzativa, si raccolgono informazioni sulle caratteristiche strutturali organizzative dell’istituzione non profit, come le informazioni sulla forma giuridica, l’anno di costituzione e lo status di non profit, rilevandone l’attitudine ad operare in collaborazione con altre organizzazioni aventi obiettivi e/o finalità analoghe.
  3. Risorse umane, si rilevano il numero e le caratteristiche delle risorse umane impegnate nell’istituzione non profit, con riferimento sia ai volontari sia al personale retribuito.
  4. Risorse economiche, si raccolgono informazioni su fonti di finanziamento, utilizzazione di entrate/proventi e distribuzione delle spese/oneri.
  5. Attività, si richiedono informazioni inerenti le attività delle istituzioni non profit, dal settore in cui operano, ai servizi erogati, alle tipologie di destinatari delle attività, fino agli strumenti di comunicazione e di raccolta fondi utilizzati.
  6. Struttura territoriale: unità locali, si chiede di indicare se l’istituzione non profit ha unità locali e, in caso di risposta positiva, di fornire una serie di informazioni su ciascuna di esse (in particolare sulla localizzazione, sulle risorse umane impegnate e sul tipo di attività svolta).
  7. Notizie relative al compilatore, si richiedono informazioni su chi ha compilato il questionario e alcuni riferimenti utili a contattarlo/a qualora fosse necessario.

Le risposte si riferiscono alla situazione dell’istituzione non profit al 31 dicembre 2011. Il riferimento a date diverse è espressamente indicato.

A CHI SI RIVOLGE

L’universo di riferimento

Le istituzioni non profit sono unità giuridico-economiche dotate o meno di personalità giuridica, di natura privata, che producono beni e servizi destinabili o non destinabili alla vendita e che, in base alle leggi vigenti o a proprie norme statutarie, non hanno facoltà di distribuire, anche indirettamente, profitti o altri guadagni diversi dalla remunerazione del lavoro prestato ai soggetti che l’hanno istituita o ai soci.

Le singole realtà coinvolte nel Censimento sono state individuate conformandosi alla definizione internazionale del System of National Accounts (SNA), che considera principalmente il criterio del “divieto di distribuzione di profitti o altri guadagni diversi dalla remunerazione del lavoro prestato ai soggetti che l’hanno istituita o ai soci”.

L’Italia è tra i pochi Paesi in Europa a censire periodicamente il mondo del non profit. In questa edizione del censimento sono coinvolte 474.765 istituzioni non profit – quasi il doppio rispetto alle 235.000 dell’edizione precedente, svolta nel 2001 – inserite in una lista pre-censuaria predisposta dall’Istat sulla base di circa 30 fonti, sia amministrative, sia statistiche. Proprio la varietà di queste fonti ha permesso di ampliare il numero dei soggetti coinvolti, con l’obiettivo di ottenere un quadro più completo del complesso universo di riferimento. Le istituzioni non profit, infatti, costituiscono una platea decisamente articolata ed eterogenea.

Le categorie interessate

Prescindendo dalla loro forma giuridica, le istituzioni non profit coinvolte nella rilevazione appartengono, ad esempio, alle seguenti tipologie istituzionali:

  • Associazioni culturali e ricreative
  • Associazioni sportive
  • Comitati
  • Cooperative sociali
  • Enti ecclesiastici
  • Fondazioni
  • Istituzioni educative e di formazione
  • Istituzioni di studio e di ricerca
  • Istituzioni mutualistiche e previdenziali
  • Istituzioni sanitarie
  • Organizzazioni di volontariato
  • Organizzazioni non governative
  • Partiti politici
  • Sindacati e associazioni di categoria

Obbligo di risposta e tutela della privacy

Rispondere al Censimento è obbligatorio (art. 7 D.lgs. n. 322 del 6 settembre 1989). I dati raccolti, tutelati dal segreto d’ufficio e dal segreto statistico possono essere utilizzati solo per fini statistici.

  • NEWS
  • INFOGRAFICHE

9° Censimento generale dell’industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit 2011